Tommy sulle Dolomiti – Capitolo 1

Tommy sulle Dolomiti – Capitolo 1
Capitolo 1
Quando Tommy si svegliò era solo nella camera dell’albergo. I suoi genitori erano scesi al ristorante per la colazione con qualcun’altro dei partecipanti alla conferenza, e lui non si aspettava di vederli fino al coffe break delle 10.
Tommy ne era abituato. Ambedue i suoi genitori erano dottori e per lui era normale andare alle conferenze con loro da quando aveva 6 anni. Quando era più piccolo prendevano una baby sitter che stesse con lui in albergo mentre loro erano a seminari e cene, ma, ora che era grande, veniva lasciato solo. Molte conferenze si tenevano in luoghi interessanti in giro per il mondo e quell’anno erano nelle Dolomiti e l’albergo era pieno di cose da fare, sport, spa… Era inverno e faceva freddo con la terra coperta di neve, così Tommy sarebbe stato in albergo per la maggior parte dei tre giorni della conferenza.

Comunque, la preoccupazione immediata di Tommy era l’erezione con cui si era svegliato. Era normale per lui avere il cazzo duro specialmente perché aveva avuto di nuovo quel sogno la notte precedente, quello in cui Pietro (il suo miglior amico al campeggio dell’anno precedente), aveva detto di voler fare un 69 con lui. Si era svegliato nel momento in cui, nel sogno, lui e Pietro stavano mettendosi l’un l’altro l’uccello in bocca e si preparavano a bere una bella boccata di sperma caldo e dolce. Svegliarsi a quel punto era stato esasperante.

Tommy allungò una mano sotto le coperte e cominciò a giocare con la sua durezza mentre, ad occhi chiusi, tentava di riportare alla mente le sensazioni del sogno. Le sue mani deviarono sotto la cintura chiusa del pigiama e la sua mano destra si avvolse intorno all’asta del pene cominciando a carezzarla su e giù mentre la sinistra strofinava stomaco e torace, solleticando capezzoli e pancia. Non aveva peli là anche se ce n’erano un po’ intorno alla base del cazzo e sotto le ascelle. Prima che potesse succedere qualsiasi altra cosa, scivolò fuori del letto ed andò in bagno, l’erezione spuntava dura fuori della patta del pigiama, la sua mano ci giocava ancora delicatamente e la muoveva.

Nel bagno trovò un piccolo asciugamano e ritornò a letto lasciando cadere i pantaloni del pigiama mentre camminava e sbottonando la giacca per strofinarsi il torace. Scivolò di nuovo nel letto e cominciò a giocare coll’uccello più seriamente. Le sensazioni del sogno cominciarono tornare, l’immagine del corpo di Pietror contro il suo, come era stato una volta durante l’estate precedente. Ricordò la notte, l’ultima notte di campeggio, quando avevano girato insieme nei boschi, si erano sdraiati senza vestiti sul prato sull’altro lato del lago e si erano strofinati uno contro l’altro finché non avevano sparato un carico di sborra uno nell’ombelico dell’altro. Poi erano stati pigiati uno contro l’altro, strofinandosi le pance.
Non era la prima volta che eiaculavano insieme, era la prima volta che simulavano una copula. Si erano masturbati insieme prima di allora, da soli, nel bosco, ed anche nella tenda che dividevano con altri 5 ragazzi. Quattro degli altri si erano masturbati anche quel giorno, uno non l’aveva fatto, ma solo perché non era nella tenda, ma in infermeria. Non c’era molto di gay in tutto questo, ai ragazzi piace fare queste cose. Si erano anche menati uno il cazzo dell’altro, ma mai si erano stretti così tra di loro.
Tommy era preso da quella chiavata simulata e sperava che fosse lo stesso per Pietro. Poi il suo amico, che era di sopra, lo baciò sulla bocca… senza la lingua, ma comunque sempre un bacio, e disse: “Ti amo Tommy. Mi mancherai veramente.” Lo disse mentre l’umidità stava scivolando tra i loro corpi ed i loro cazzi ormai molli erano schiacciati uno contro l’altro, poi cominciò a roteare le anche contro Tommy, mescolando insieme le loro sborre, facendone un unico sperma.
“Anch’io ti amo!” Bisbigliò piano Tommy nell’orecchio di Pietro e sentì che l’uccello dell’amico cominciava a ritornare duro. “Puoi farlo di nuovo?” chiese.
“Penso di sì.” Aveva detto Pietro ed aveva cominciato a muovere le anche contro Tommy, lentamente, anche il cazzo del ragazzo tornò duro. Lo sperma era ancora bagnato e servì da lubrificante, rendendo facile lo scivolare dei loro uccelli di nuovo duri.
Coi cazzi duri in pochi secondi, come accade meglio quando si è giovani, cominciarono di nuovo a simulare la scopata con le anche. Pietro era ancora di sopra. Lui era più grande di Tommy, più atletico e più aggressivo. Avvicinò di nuovo la faccia a quella dell’amico e mentre i loro peni cominciavano a scaldarsi, mise la bocca su quella del ragazzo e lo baciò di nuovo sulle labbra, come poco prima. Le sue labbra erano umide ma non bagnate e la sua bocca si appoggiò con forza sull’altro. Le labbra di Tommy si aprirono leggermente, non per il “french kiss” che non conosceva, ma più istintivamente, per aumentare il contatto. Anche le labbra di Pietro si aprirono leggermente ed il bacio divenne più intimo.

Aumentarono la velocità ed i loro uccelli erano veramente rigidi, più di quanto ricordavano fosse mai accaduto prima. Erano già venuti una volta così ci volle più tempo a raggiungere l’orgasmo, più di quanto fosse mai successo, e le loro labbra erano pigiate insieme, in un caldo ma piuttosto casto bacio. Poi accadde.
Pietro aprì la bocca un po’ di più e Tommy fece lo stesso per riprendere fiato dalla sensazione che sentiva all’inguine. La lingua di Pietro uscì un poco e toccò le labbra di Tommy. Il ragazzo aprì le labbra un poco di più e la lingua di Pietro toccò la lingua di Tommy. E improvvisamente la bocca di Pietro era aperta, anche quella di Tommy lo era e le loro lingue si muovevano avanti ed indietro nello spazio che si era appena aperto, e i loro uccelli crebbero, ed il calore crebbe, e la velocità degli inguini che roteavano crebbe…
E loro vennero, le loro bocche aperte in un bacio profondo, le loro verghe spararono il più grande carico (come qualche volta può accadere) più grande di quello precedente, zampillando crema intrappolata tra di loro.

Quella fu l’ultima volta che furono insieme da soli. Sentirono gli altoparlanti annunciare il ‘silenzio’, si alzarono rapidamente, si pulirono, si vestirono e si affrettarono alla tenda per l’ultima notte al campeggio. Il giorno seguente ripresero il bus per tornare in città e si separarono alla stazione. Ognuno tornò a casa sua ed i ragazzi si spedirono cartoline un paio di volte e poi, con l’inizio della scuola, tutto finì. Pietro e Tommy erano innamorati appassionati, ma solamente nei sogni di Tommy, e lui sperava che accadesse anche a Pietro, anche se non ne era sicuro.

Questo era successo l’anno prima. Quell’estate i suoi genitori avevano affittato una casa sulla spiaggia ed avevano passato insieme le vacanze.
C’erano state nuotate e barbeque, molti cugini e film, ma nulla in confronto alla sua esperienza con Pietro, nessun approfondimento della sua storia sessuale, nessun amico con cui fare l’amore. Lui era diventato un regolare masturbatore, facendolo almeno due volte al giorno, una volta al risveglio ed una volta prima di andare a dormire, ed aveva imparato molti modi di farlo e di nascondere sia il fatto che lo sperma che produceva.
Aveva anche imparato farsi seghe in mare mentre nuotava, nei bagni dei ristoranti e dei caffè, ed aveva portato queste abilità con se nell’anno scolastico seguente, masturbandosi a scuola nel bagno dei ragazzi mentre sbirciava un altro ragazzo che pisciava attraverso la fessura della porta del box. Un paio di volte li aveva visti rigidi ed una volta un ragazzo di un’altra scuola, che non si era accorto che lui era là (dopo una partita di pallacanestro), si era fatto una sega nell’orinale, poi aveva pisciato sulla sborra per mandarla nella fognatura e se ne era andato rapidamente. Tommy aveva schizzato violentemente dopo averlo visto (aspettò finché il ragazzo non se ne fosse andato prima di farsi la sega, era sicuro che avrebbe fatto molto rumore mentre veniva ed aveva ragione). Ma oltre quel caso le sue masturbazioni erano state solitarie. Non c’erano stati altri ragazzi il cui sperma si fosse mescolato col suo.

Poi, mentre ricreava la intensità del suo sogno nella sua immaginazione, Tommy rotolò sopra lo stomaco, l’asciugamano che aveva recuperato in bagno piegato in due e poi di nuovo in due, una metà sotto il suo cazzo sul letto, l’altra metà su di lui, in modo da poter scopare la borsa che aveva creato. Questo era uno dei suoi modi preferiti per venire Poteva scopare il letto muovendosi dentro l’asciugamano e, quando eiaculava, lo sperma vi rimaneva dentro e poteva lasciarlo nel box dopo aver fatto la doccia. Così bagnato l’asciugamano non faceva sospettare a nessuno di contenere nascosto il suo succo.
Prese quella posizione, il suo cazzo era duro e pulsante e lui cominciò ad immaginare il sogno nella sua mente. Pietro, con lui in quell’ultima notte al campo. Loro che sborravano per la seconda volta, le loro lingue che ballavano una nella bocca dell’altro. Lo sperma era caldo e dolce ed appiccicoso tra di loro, i loro uccelli ancora duri, loro continuavano a baciarsi. Il ‘silenzio’ non veniva. C’era silenzio. Pietro alzava la bocca dal suo amico e lo guardava negli occhi.
“Sai che ci sono ragazzi che si succhiano l’un l’altro il cazzo, venendo l’un l’altro nelle bocche? Pensi che sia una cosa sporca? Gli chiedeva.
“Non so, tu cosa ne pensi?” Replicava Tommy nella sua fantasia.
“Io penso che sembra eccitante!” Diceva Pietro fissandolo negli occhi.
“Sì, anch’io” Lentamente invertivano le loro posizioni prendendo la posizione del “69.” Nel suo sogno Tommy si trovava con l’uccello succhiato lentamente nella bocca del suo amico e facendolo gli dava il permesso di fare lo stesso col suo. Il cazzo di Pietro era scivoloso per lo sperma che avevano già sparato, un po’ di Pietro ed un po’ di Tommy mescolati insieme.

Nel sogno Tommy prendeva il pene di Pietro nella sua bocca, assaggiando quel succo miscelato e seguendo l’esempio del suo amico, cominciava a succhiare su e giù muovendo il cazzo nella sua bocca affamata come Pietro stava facendo col suo.
In quel sogno i ragazzi si leccavano l’un l’altro gli scroti, si succhiavano l’un l’altro le palle, prendendo le uova ripiene di crema nelle loro bocche e stimolandole fino ad emettere un carico super caldo. In quel sogno Tommy spostava la bocca in giù alla fessura tra le gambe del suo amico, come Pietro faceva contemporaneamente con lui, senza sapere a cosa avrebbe portato. In quel sogno Tommy e Pietro inserivano contemporaneamente le loro lingue nel buco del culo dell’altro per almeno 100 leccate profonde, per poi ritrasferirsi su, alle palle, alle aste degli uccelli, mettendo le bocche ora più esperte sul pene dell’altro, succhiavano su e giù più volte per la completa lunghezza.

E in quel sogno i due ragazzi sparavano il più grosso carico di sborra che avessero mai sparato, un enorme, cremoso, bollente, carico dolce di succo uno nella bocca in attesa dell’altro. In quel sogno bevevano l’uno l’essenza dell’altro, amandone ogni goccia, succhiando di nuovo un po’ il pene.
E, nella sua camera d’albergo, mentre nel sogno Tommy sparava nella bocca dell’amico e la sua bocca beveva il succo dall’uccello del suo amico, il suo vero cazzo sparò il carico mattiniero nell’asciugamano che era divenuto, solo per un momento nella sua immaginazione, la calda amata bocca del suo amico.

Ed eiaculò.

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir